Servizi per Professionisti

Supervisione individuale

La supervisione si configura a tutti gli effetti come una psicoterapia. Il professionista che lavora a ritmi serrati, spesso si trova nell’affanno di elaborare gli elementi controtrasferali emergenti nel corso di una terapia. Lo psiclogo e lo psicoterapeuta lavorano con le emozioni e le emozioni sono la loro cassetta degli attrezzi. Dunque la sollecitazione psicologica di uno psicoterapeuta è sempre molto alt. La supervisione, che spesso si traduce in una co-visione, è lo spazio di elaborazione delle emozioni e delle dinamiche emergenti nello svolgimento della terapia con i pazienti.

Questa attività risponde a due esigenze di base di cui la prima è garantire un buon equilibrio del terapeuta nella sua vita personale e professionale. Il secondo è pianificare l’intervento psicoterapico o meglio proteggerlo proprio da quegli elementi a esso estranei ma che rinviano alla sfera emotiva del terapeuta. Proteggerlo non significa impermeabilizzarlo alle emozioni del professionista, quanto far si che esse circolino nl modo più nutriente e curativo possibile per i pazienti.

Clicca qui se vuoi leggere: I pro e i contro della supervisione

Supervisione di gruppo e team building

La supervisione nei gruppi di lavoro ha come obiettivo quello di promuovere il bilancio delle competenze affinchè queste, le competenze, si rendano disponibili per tutto il gruppo di lavoro. Spesso all’interno di un equipe si lavora pensando al collega o al superiore come corrispondente all’idea che sia ha di lui. Tutti gli aspetti fantasmatici, ossia le idee e le fantasie di ogni singolo lavoratore verso i propri colleghi, minano irrimediabilmente i livelli di efficacia del gruppo di lavoro. La supervisione promuove la dismissione della dimensione fantasmatica e a rivalutazione delle reali competenze di ogni singolo lavoratore.

Avvio, Riunione, Brainstorming, Business

Un secondo livello di intervento interessa la cultura organizzativa del gruppo o della azienda al fine di promuoverne l’evoluzione verso culture organizzative più efficienti e produttive.
Un terzo livello è invece quello dlla lenta e puntuale definizione di ruoli, competenze e responsabilità. Questio tre elementi sono, infatti, spesso indistintamente assunti senza che vi sia una attribuzione giustificata dalle competenze individuali ne, tantomeno, dalle mansioni previste contrattualmente. L’efficacio di un gruppo di lavoro che svolge regolare attività di supervisione risulta sensibilmente superiore adi quella di un gruppo di lavoro che non si avvale di questo supporto.